Home » Come pubblicizzare un blog: le 7 migliori tecniche gratuite e a pagamento (+ 1 bonus a sorpresa)

Come pubblicizzare un blog: le 7 migliori tecniche gratuite e a pagamento (+ 1 bonus a sorpresa)

Stai per scoprire come pubblicizzare un blog in modo gratuito senza spendere soldi e senza perdere tempo, anche se non hai competenze tecniche e parti da zero.

Qui sotto trovi il video dell’articolo:

Probabilmente stai leggendo questo articolo (o guardando il video) perché hai realizzato (o hai fatto realizzare) un blog. Magari hai scritto anche un po’ di articoli, ti sei impegnato, li hai scritti utilizzando tutte le tecniche persuasive che conosci.

Può essere anche che hai fatto anche un corso di copy da qualche centinaio di euro.

Sicuramente sai che scrivere non è facile e hai speso tempo, sudore e fatica per realizzare questo benedetto blog.

Ma…i risultati non arrivano!

Nessun contatto, il telefono non squilla, i tuoi articoli non se li fila nessuno. Google non posiziona i tuoi articoli e stai per gettare la spugna.

Oppure, hai appena realizzato un blog nuovo fiammante e lo vuoi promuovere efficacemente.

Prima di entrare nel vivo dell’articolo, voglio fare alcuni chiarimenti in modo da essere sicuro che conosci questi concetti di base sul blogging:

  1. Guadagnare con un Blog è facile se sai come fare. Invece, è un vero e proprio incubo se non ti fai seguire da qualcuno di esperto.
  2. Per guadagnare con un blog serve tempo, soldi, lavoro e pazienza. Non basta aprire un blog per vedere piovere soldi e clienti dal cielo. I primi risultati si vedono dopo circa 3 o 4 mesi di duro lavoro e dopo aver investito qualche centinaio di euro in traffico a pagamento.
  3. Servono le giuste competenze, che si acquisiscono con il tempo (nessuno nasce blogger). Tali competenze vanno apprese e padroneggiate, se vuoi costruire un blog profittevole.
  4. Il tuo blog deve trattare un tema specifico, in modo da servire una precisa nicchia di mercato. Di solito, un grave errore aprire un blog generalista che tratta tanti argomenti. Il tuo blog deve essere focalizzato su un unico argomento.

Un’altra precisazione: promuovere un blog in WordPress è assolutamente uguale a promuovere un blog fatto con qualsiasi altro CMS (Joomla, Drupal, ecc…)

Fatte le doverose promesse, possiamo iniziare!

come pubblicizzare un blog

Come pubblicizzare un blog gratis: le migliori strategie

Partiamo dalle strategie gratuite, visto che sono quelle che (a torto), sono preferite dalla maggioranza dei blogger.

1 – Partecipa a Gruppi Facebook e Forum di settore (però attenzione, leggi sotto…)

Qualsiasi sia l’argomento del tuo blog, quasi sicuramente ci sono gruppi Facebook e forum che lo trattano. Iscriviti e inizia a commentare, scrivendo cose intelligenti.

Non sparare cavolate, non alimentare risse, non trollare…insomma, prima collega il cervello alle dita della tastiera. Altrimenti riceverai l’effetto contrario.

Cosa importante: non iniziare a spammare il link al tuo blog a destra e a manca: questo è il modo migliore per farsi bannare e non rimediare nulla.

2 – Ottimizza il tuo blog per i motori di ricerca con la SEO

Ogni articolo che scrivi per il tuo blog, dovrebbe essere ottimizzato per la SEO in modo da farlo posizionare sui motori di ricerca. Non farlo sarebbe un grave spreco di energia.

Devi sempre avere un occhio per i motori di ricerca! Per esempio, io sto cercando di ottimizzare l’articolo per la parola chiave come pubblicizzare un blog. Vediamo tra qualche mese se ce l’ho fatta!

Ricorda però che è vero che fare SEO è (quasi) gratis, ma è molto lenta. Infatti ci vogliono almeno 6 mesi per vedere i primi risultati, se parti da zero.

Una cosa che dico sempre è che se vuoi promuovere un blog e guadagnare, devi padroneggiare in modo discreto due discipline: la SEO e il Copywriting.

Per questo punto dovrei scrivere un libro, ma ricorda sempre una cosa: ogni articolo di blog deve essere migliore della concorrenza, sempre.

3 – Promuovi il tuo blog offline

Il blog deve essere promosso anche in forma tradizionale. Per esempio, inserisci l’url del tuo blog nei tuoi biglietti da visita, parlane con colleghi e clienti.

Se hai un negozio fisico, inserisci volantini, poster, cartelloni pubblicitari con l’indirizzo del tuo blog nella vetrina del tuo negozio.

Insomma, datti da fare nel mondo vero in modo da affiancare la pubblicità online con la pubblicità offline.

4 – Ricicla il traffico con la Newsletter

La prima cosa che devi fare appena appena realizzato un blog, è costruire la tua lista email.

Un famoso detto americano recita:

The money is in the list

In italiano: i soldi sono nella lista (di email, aggiungo io). Questo perché quando hai l’indirizzo email di potenziali utenti, riesci a comunicare con loro, senza spendere ulteriore denaro per contattarli.

Le email sono praticamente gratis e al giorno d’oggi puoi utilizzare software specifici per inviare email, alcuni di loro molto potenti (i più famosi sono: ActiveCampaign, GetResponse e Mailchimp)

A oggi, l’email marketing è lo strumento che porta i risultati maggiori, a fronte di uno sforzo veramente basso (scrivere un’email costa poca fatica, rispetto per esempio un articolo di blog o un video su YouTube).

Per costruire la lista, un errore che vedo fare molto spesso (e che faccio anche io a volte per pigrizia), è quello di mettere un box con l’iscrizione alla newsletter.

A oggi, nessuno si iscrive alla newsletter perché questo significa nella mente del potenziale utente, che riceverà tonnellate di pubblicità nella propria casella email; anche se magari non è vero.

Quello che devi fare invece è creare un piccolo regalo gratuito, in cambio dell’email. Il cosìddetto Lead Magnet, tipicamente un ebook in pdf.

Attenzione a due cose: assicurati che il form sia conforme alla GDPR (su questo aspetto scriverò un post dedicato) e che il regalo gratuito sia di OTTIMA QUALITA’.

Non regalare schifezze in cambio dell’email, in quanto è il primo approccio che hai con un nuovo potenziale cliente e, se lo deludi, non diventerà mai cliente.

Una volta che hai iniziato a raccogliere indirizzi email, invia loro comunicazioni periodiche (in genere una alla settimana), con contenuti di valore: niente email aggressive, mi raccomando!.

Come pubblicizzare un blog con le strategie a pagamento (le mie preferite)

Passiamo ora alle mie strategie preferite, ossia quelle che necessitano di un investimento di denaro.

Sono le mie preferite per due motivi:

  1. Ottieni risultati subito, dall’oggi al domani. Questo ti permette di capire in poco tempo se sei sulla strada giusta o se stai facendo un clamoroso buco nell’acqua. Io voglio capire subito se il blog che, in teoria, dovrebbe produrre denaro e clienti sta funzionando, oppure era solo un “film” nella mia testa. Il tempo è un bene prezioso e preferisco buttare 200 euro in campagne pubblicitarie per capire in una settimana se il mio blog funziona, piuttosto che lavorarci un anno intero per capire che era un progetto fallimentare.
  2. Oggi le campagne pubblicitarie sul web costano veramente poco. La concorrenza c’è, ma spesso è poco agguerrita e c’è ancora spazio per aziende piccole e liberi professionisti. Può essere che nei prossimi anni i costi si impennino tagliandoci tutti fuori, ma oggi la situazione è questa ed è meglio approfittarne subito, senza indugi!

Tra le strategie a pagamento di promozione di un blog, le due migliori sono:

5 – Facebook Ads

Facebook Ads è sicuramente la miglior piattaforma pubblicitaria per promuovere un blog. Ma come pubblicizzare un blog su Facebook?

La prima cosa da fare è creare una pagina Facebook, iniziare a postare gli articoli del tuo blog e poi promuoverli con delle Facebook Ads.

Sembra semplice, ma è molto complesso.

Ho spinto decine di blog con Facebook negli ultimi anni: alcune volte è andata bene, altre volte è andata benissimo (il mio cliente ha fatto i soldi con la pala), altre volte è stato un fiasco totale.

Spesso non dipende solo dalla capacità di utilizzo dello strumento, ma dall’impostazione del blog, dei contenuti e dal modello di business.

Comunque, la prima cosa da fare è costruire un tuo pubblico di persone che ti seguono, questo creando post e promuovendoli su un pubblico di persone interessate.

Una volta che hai costruito il tuo pubblico di “seguaci”, puoi iniziare a vendere loro qualcosa. La prima vendita deve essere sempre soft: potrebbe essere una consulenza al telefono o via skype, oppure un prodotto “civetta” da pochi euro. Per esempio, io vendo un corso su come creare un blog professionale.

Costa pochi euro, ma all’interno il valore che do al cliente è enorme. Questo mi serve per rompere la barriera di diffidenza e conquistare la sua fiducia.

Su Facebook la vendita di questi prodotti digitali funziona molto bene, soprattutto quando il prezzo è piuttosto basso (sotto i 40 euro).

Il bello di Facebook e di altre piattaforme pubblicitarie a pagamento (come Google) è che riesci a tracciare tutto e capire in tempo reale come stanno andando le tue campagne. Neanche a dirlo, se hai bisogno di una mano per promuovere il tuo blog con Facebook, contattami per una prima consulenza gratuita e per conoscere le mie tariffe (clicca qui per contattarmi).

6 – Google Ads

La seconda piattaforma pubblicitaria è Google Ads: quando cerchi qualcosa su Google, spesso i primi risultati sono annunci.

Per esempio, se cerchi su Google “corso su come creare un blog“, troverai il mio annuncio in mezzo a tutti quelli dei miei concorrenti.

In questo caso spingo direttamente la vendita di un corso, ma nulla vieta che tu possa spingere direttamente degli articoli di blog (cosa che puntualmente faccio).

7 – Pubblicare Guest Post

Se non lo sai, i Guest Post sono articoli che scrivi tu e che vengono pubblicati su altri siti. E’ un approccio favorevole per entrambi, sia per chi scrive il Guest Post, sia per chi lo ospita.

Il vantaggio per te che scrivi il Guest Post è che:

  1. I lettori del sito ospitante vengono a conoscenza di te e della tua azienda; quindi ti può arrivare un po’ di traffico e qualche contatto interessante.
  2. Ricevi un link che punta verso il tuo blog. Forse non sai che questo aiuta molto la SEO, in quanto più un sito riceve link dall’esterno, più viene premiato da Google (i link devono essere di buona qualità e avere anche altre caratteristiche, ma non posso approfondire questo argomento altrimenti mi tocca scrivere un papiro e vado fuori tema).

Invece, il blog che ospita il Guest Post, riceve i seguenti benefici:

  1. Riceve contenuti di qualità e il blog viene arricchito di un articolo in più.
  2. Oppure, spesso, riceve denaro in cambio della pubblicazione. Raramente i blogger ospitano gratuitamente guest post e chiedono qualche decina di euro per pubblicare il tuo articolo. Il costo dipende da vari fattori, il più importante è l’autorevolezza del sito: vanno da 10 euro ad articolo a 3000 euro!

8 – Bonus!

Se sei arrivato a leggere fino a qui, voglio ringraziarti e premiarti con un regalo: come hai letto poco sopra, il guest blogging è un’ottima tecnica per promuovere il tuo blog.

E così per te che sei arrivato fino a qui, voglio farti un piccolo regalo.

Puoi pubblicare gratis un articolo su questo blog 🙂

Normalmente chiedo 40 euro ad articolo, ma per te è gratis se rispetti queste regole: devi dimostrarmi di aver letto l’articolo citandolo nella richiesta, l’articolo deve essere originale e di buona qualità, deve trattare di web marketing, non deve promuovere un business a concorrenza diretta con il mio e deve essere lungo almeno 1500 parole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ASPETTA!
SCARICA GRATIS IL NUOVO EBOOK INTITOLATO:

Guadagnare con un Blog

Vuoi davvero trasformare il tuo blog in uno strumento di vendita? Decine di pagine di puro contenuto ti aspettano!​